“Sesso, bugie e WhatsApp” la recensione di “Leggere ti salva”

Qui sotto trovate il link per leggere la recensione del blog “Leggere ti salva”, in merito al mio romanzo Sesso, bugie e WhatsApp. Anche questa seconda review è una recensione ricca di spunti, che analizza i vari percorsi intrapresi dal sottoscritto, tra personaggi, opinioni e citazioni.

Link: https://goo.gl/E7y89m

review

“Sesso, bugie e WhatsApp”, la recensione di “Libri, il nostro angolo di paradiso”

Qui sotto trovate il link per leggere la recensione del blog “Libri, il nostro angolo di paradiso”, in merito a Sesso, bugie e WhatsApp. Una recensione ricca di spunti e analisi, che scende nelle profondità del mio romanzo. Buona lettura.

Link: https://goo.gl/ugxb2P

20180704_172704

Con “Sesso, bugie e WhatsApp”, ospite a “Buona o Bastarda”, su Radio Godot

Intervista radio con Camilla D’Angeli, su “Buona o Bastarda”, trasmissione targata Radio Godot. Durante la diretta abbiamo parlato del mio romanzo d’esordio (Sesso, bugie e WhatsApp), di social, d’amore, di cinema e di tante altre cose succulente. Non perdete il podcast. Buon ascolto.

SBW

Philip Roth! L’arte è immortale!

Philip Roth è e sarà per sempre uno scrittore immortale!

Un artista capace di analizzare e descrivere l’essere umano nei suoi istinti primordiali e passionali. Senza ombra di dubbio uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi. “L’animale morente” è uno dei libri più belli che io abbia mai letto. #RIP Maestro.

L’unica ossessione che vogliono tutti: l’amore. Cosa crede, la gente, che basti innamorarsi per sentirsi completi? La platonica unione delle anime? Io la penso diversamente. Io credo che tu sia completo prima di cominciare. E l’amore ti spezza. Tu sei intero, e poi ti apri in due. Quella ragazza era un corpo estraneo introdotto nella tua interezza. E per un anno e mezzo tu hai lottato per incorporarlo. Ma non sarai mai intero finché non l’avrai espulso. O te ne sbarazzi o lo incorpori con un’autodistorsione. Ed è quello che hai fatto e che ti ha ridotto alla disperazione.

L’animale morente

Philip